lunedì , 30 marzo 2020
Home / News / BANDAI – Recensione Gundam Barbatos Lupus Rex 1/100 Full Mechanics

BANDAI – Recensione Gundam Barbatos Lupus Rex 1/100 Full Mechanics

Finalmente disponibile, anche in Italia, la nuova versione del kit Barbatos targato Bandai che ci accingiamo a descrivere in questa breve recensione.

Due righe sulla storia del modello: Gundam Barbatos Lupus Rex è un mobile suit della serie Iron Blooded Orphans ed è l’ultima evoluzione conosciuta del Barbatos. Il suo debutto nella serie avviene nella puntata 41 “Natural For A Human” dove viene pilotato, come di consueto, da Mikazuki Augus della fazione Tekkadan.

Materiali:
Il model kit ha ottime plastiche, molto dettagliate come Bandai ci ha abituato. L’inner Frame presenta molti dettagli e si differenzia di poco rispetto alla prima versione di Barbatos. La maggior parte delle differenze si riscontrano nelle braccia che ora nascondono dei bracci estraibili da utilizzare come sostegno per altre armi o per afferrare i nemici in combattimento. Le plastiche dell’armatura sono buone, senza ritiri evidenti. L’unico difetto riscontrato lo troviamo sulle spalle dove gli attacchi degli sprue sono frontali nel mezzo, rendendo difficile l’eliminazione dei segni che rimangono così in bella vista. Alcune pannellature non sono molto nette e in fase di colorazione non permettono al colore di scivolare bene.

Armi e accessori:
Come nuovi armamenti troviamo una mazza a quattro steli che visto il peso tende a sbilanciare di molto il model kit. Per permettere al Barbatos di sostenerne il peso troviamo anche un supporto dello stesso colore dell’arma.Le unghie del Rex, potenti lame per squarciare ogni cosa sono poi dello stesso colore dell’inner frame,in Bandai non hanno però pensato a mettere pezzi aggiuntivi gialli o adesivi per renderli più simili all’artwork.La “Tail Blade”, una coda che parte dal backpack e termina con una lama usata per trafiggere, tagliare e arpionare i nemici, è caratterizzata da un cavo molto resistente alle pose. Il cavo poi non ruota sotto il peso perchè va piegato a ferro di cavallo nel sostegno del backpack che lo tiene in posizione.

Mobilità e posabilità:
La posabilità è ottima e il Barbatos Lupus Rex dispone di molti snodi che permettono di sfruttare al meglio la propria fantasia nelle pose. Per fortuna non si notano giunzioni lasche che fanno cambiare la posa del modello, migliorando la solidità generale. Nel kit viene fornita la basetta per permettere anche pose aeree, con tre punti di snodo dei sostegni permettendo anche inclinazioni estreme.

In conclusione, anche questa volta Bandai non delude le aspettative proponendoci un kit con materiali e mobilità di alto livello.

Barbatos promosso a pieni voti. Il prezzo suggerito al pubblico è di circa 45€

I kit Gunpla sono distribuiti in Italia da Cosmic Group..

Info su Nemesis

Nemesis ha cominciato nel lontano 1994 acquistando alcuni Robot vintage. Nel dicembre del 1997 esce il primo Soul of Chogokin GX-01 Mazinga Z ed in quel preciso momento prende coscienza: il suo destino sarà quello di riunire tutti gli amati robottoni dell' infanzia....e anche qualche nuovo amico che non guasta mai !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.