mercoledì , 28 ottobre 2020
Home / News / Recensione: Capricorn Shura DD Panoramation

Recensione: Capricorn Shura DD Panoramation

Il protagonista di questa recensione è il Cavaliere d’oro appartenente alla costellazione del Capricorno Shura di Capricorn che vediamo nella sua versione D.D. Panoramation di Bandai. Custode della decima casa è dotato della mitica Spada Exalibur che donatagli da Athena risiede nel proprio braccio. Anche questa release è una uscita singola poichè non gli è stato abbinato alcun bronze saint, tuttavia le uscite a cui si può comodamente affiancare sono Dragon Shiryu e Aiolos di Sagitter.

La confezione del prodotto si presenta di dimensioni identiche agli altri Gold Saint con una grafica che richiama una serie di immagini ricreate con i Panoramation stessi che si ispirano alle scene più emblematiche dell’anime tra cui lo scontro con Dragon Shiryu durante la scalata delle 12 case e Aioria di Sagitter nella notte in cui la piccola Athena viene salvata. Il retro della confezione  ci propone una panoramica degli accessori presenti nel box e altre scene possibili da ricreare. All’interno il blister si compone di vari elementi: La figure di Capricorn Shura (preassemblata con armatura non removibile come gli altri Panoramation); una testa secondaria con i capelli e volto alternativo action; un volto secondario; due paia di mani tra cui quelle per ricreare il colpo Excalibur; le solite colonnine per comporre la scenografia; timpano della casa del capricorno; due basi di cui una più larga con una scalinata; un pratico supporto con gancetto per pose aeree; per ultimi ma non meno importanti due effetti scenici che ricreano l’impatto del colpo Excalibur e la lama di luce creata dal colpo stesso.

I particolari della figure, in special modo la colorazione dell’armatura e della tutina al di sotto di essa, sono davvero quanto di più simile e fedele alla controparte animata. Oltre a questo è dotata di di una buona posabilità anche se Bandai per questa uscita ha tralasciato la posabilità del gonnellino in favore di quella delle spalline, scelta sicuramente adottata per favorire la posa a braccio alzato di Excalibur. Il movimento della spallina prevede oltre al classico movimento laterale anche un movimento verso dietro (soluzione già vista nei cugini myth cloth) che in questo caso ci pare davvero doverosa e azzeccata. Il resto dei movimenti (gonnellino a parte) è davvero buono e ci siamo divertiti a ricreare la scena della battaglia contro Dragon Shiryu, anche questa volta Bandai ha centrato il bersaglio con una figure a cui manca davvero poco per rasentare la perfezione.

Lasciandovi dunque alle immagini della nostra Gallery ci sentiamo di esprimere il seguente voto.

Voto Finale: 8.5/10

La figure di Capricorn Shuraè gia’ disponibile presso i rivenditori ad un prezzo consigliato di 59€.

 

Info su Akira

Akira ha iniziato a collezionare manga dal 1990 poi suo padre gli regalò un Sankan-Oh (vintage tarocco) della serie Time Bokan. La collezione vera e propria è iniziata solo quando nel 1997 è uscito il primo Mazinga Z targato Bandai della nuova linea Soul of Chogokin e lì è cominciato tutto. Fino ad oggi è stato sempre fedele all'anima di superlega deviando a volte su altre marche ma con un minimo di Zamak. Un giorno smetterà di collezionarli... questa frase se la ripete da anni ma per ora non vede la fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.